Dipinti

Descrizione del dipinto di Salvador Dali "Elefanti"

Descrizione del dipinto di Salvador Dali



We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Il dipinto "Elefanti" dell'artista spagnolo Salvador Dalì dipinse nel 1948. Per la prima volta, un elefante di un'immagine tipica fu raffigurato nel dipinto "Sogno". L'immagine del mitico elefante con le gambe lunghe e un obelisco sul dorso è presente in molti dipinti di Dalì, è "Elefante del Bernini" o come viene anche chiamato "elefante di Minerva", con gli attributi e gli obelischi del papa.

Questa è una grande raffigurazione di elefanti di Dalì, ispirata alla scultura di Jan Lorenzo-Bernini - un elefante con un obelisco sul dorso. Forse questa immagine non ha un certo significato, ma è piena di elementi che una volta erano visti. Che ha scioccato notevolmente per vari motivi l'artista. È difficile per molti amanti dell'arte comprendere il frammento rappresentato nella foto, ma ogni assurdità è un frammento di un fatto della vita dell'artista.

L'immagine contro il tramonto mostra due elefanti sulle gambe: trampoli. La combinazione di colori del tramonto è realizzata in vivaci tonalità colorate, cambiando dolcemente dall'arancione brillante al giallo delicato. Sotto questo insolito cielo è un deserto, in lontananza con visibili colline di sabbia.

La superficie del deserto è liscia, come se non fosse a conoscenza del vento. Due elefanti su zampe molto alte e sottili con obelischi sulla schiena camminano l'una verso l'altra. Sembra che al primo passo le gambe possano piegarsi sotto il pesante peso dell'elefante. In un elefante, il tronco è diretto verso l'alto, dando l'impressione di gioia, mentre nell'altro, il tronco pende, come la testa di un animale, dandogli un'immagine di tristezza e tristezza. Sono ricoperti da tappeti a motivi geometrici nei toni del grigio, come elefanti.

Sotto i piedi degli elefanti ci sono due sagome umane con riflessi allungati di ombre. Uno appare visivamente come un uomo in piedi, e l'altro, correndo con le braccia alzate, ricorda l'immagine di una donna. Al centro dell'immagine ci sono i contorni della casa di un'immagine insolita. La tela è scritta nello stile del surrealismo con un volo sfrenato dell'immaginazione dell'artista. Nonostante lo stile di presentazione distorto, l'immagine è chiara a tutti.





Degas Assenzio


Guarda il video: Un live mortale con Mortebianca - I Cattivissimi di Poliniani (Agosto 2022).