Dipinti

Descrizione del dipinto Kuzma Petrov-Vodkin “Playing Boys”


Il lavoro dell'artista russo Kuzma Sergeevich Petrov - Vodkin è pieno di filosofia e pensieri nazionalistici. Visse in un momento difficile per l'Impero russo, che non poteva che influenzare il suo lavoro.

Nella sua arte, l'artista russo ha scelto un percorso spinoso, costantemente criticato dai sostenitori della pittura accademica o dagli innovatori. Ma allo stesso tempo, Kuzma Sergeyevich è stato in grado di mantenere la sua originalità ed era destinato a diventare un ponte che collega tempi e epoche diverse.

Petrov Vodkin incontrò con entusiasmo la rivoluzione di febbraio e ottobre del 1917, come dimostra il dipinto "Ragazzi", scritto il 28 marzo 1916.

L'artista, con la sua immagine pre-rivoluzionaria, rappresenta l'eroe dai "rossi" ideologici allo spettatore. Lo posizionò proprio al centro della sua immagine, raffigurante con la mano alzata, portando con sé gente comune. L'eroe a sinistra è già pronto a unirsi al movimento rivoluzionario - questo è dimostrato dalla sua posa pronta al combattimento e dal gesto di saluto, sollevato fino alla mano "rossa". E l'uomo a destra è ancora seduto a terra in ginocchio, inchinandosi al vecchio regime, ma ha già dato la mano al "rosso" e sta per sollevarsi dalle sue ginocchia. In questa immagine, come nella maggior parte degli altri, Kuzma Sergeyevich osserva la chiarezza dei colori caratteristica della sua opera.

Un anno dopo la Rivoluzione d'Ottobre, nell'anniversario di ottobre, Petrov - Vodkin dipinse un'intera serie di dipinti, disegnando, con l'aiuto dei suoi studenti, l'intera città di Pietrogrado.

Avendo l'esperienza di maestri del Rinascimento, Petrov-Vodkin rimase profondamente artista russo e nazionale.

Nel suo lavoro "Boys", come in tutti gli altri suoi dipinti, c'è un vero spirito russo. Con Petrov-Vodkin, tutti possono scoprire qualcosa di nuovo, mentre rende lo spettatore un coautore nella comprensione del suo lavoro riflessivo.





Monumento per mancini a Tula


Guarda il video: The Russian painting thats so controversial its in storage (Gennaio 2022).