Dipinti

Descrizione del dipinto di Giuseppe Arcimboldo “Flora”

Descrizione del dipinto di Giuseppe Arcimboldo “Flora”


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Un ritratto umano fatto di fiori: così si può descrivere il lavoro di Giuseppe Archimboldo, intitolato Flora. Dalle gemme e dai petali si formano le caratteristiche del viso e del colletto e gli abiti stessi - dalle foglie che cadono.

Sulla testa è una ghirlanda luminosa al centro della quale è un giglio rosso. Dal colletto, nella parte inferiore, un giglio giallo fa capolino come una torcia. Allo stesso tempo, il ritratto si è rivelato essere vivo. Gli occhi hanno la loro espressione. Sembra che la flora del ritratto ci stia guardando. Solo un vero maestro della pittura può raggiungere questo obiettivo.

Ad Archimboldo piaceva la freschezza e l'originalità delle idee del re Rodolfo, a cui questo dipinto era inteso come un dono, che divenne una delle opere successive dell'artista. In precedenza, ha sperimentato un tema simile, creando ritratti dai doni della natura e vari oggetti. Così è apparso il suo famoso ciclo "Stagioni". È vero, il tema del ritratto maschile è principalmente sfruttato lì. In generale, nel genere della natura morta ritratto con Arcimboldo, gli uomini sono molto più comuni.

Qui vediamo una donna che sorride. È perché i petali dei fiori sono così delicati e così vicini l'uno all'altro? Dopotutto, l'autore della foto ha dovuto mostrare esattamente il corpo femminile. Pertanto, non dovrebbe avere transizioni approssimative. Deve essere privo di brutalità. Deve essere una vera dea dei fiori. Ma, ahimè, sembra vecchia: i contorni dei fiori assomigliano alle rughe, ma il viso della vecchia può anche essere bello, se è illuminato da un sorriso e da uno sguardo radioso.

Flora non è una donna anziana, ma piuttosto una donna di mezza età, saggia per esperienza. Questo è evidente dal suo sguardo. Non c'è ardore caratteristico delle giovani creature, la sua condizione è equilibrata, la gentilezza è scritta sul viso, ma si avverte una leggera ironia, come una scintilla negli occhi.





Immagini di Apollinaris Vasnetsov


Guarda il video: Carlotta Ferrari LOrtolano da Le Maraviglie dArcimboldo 2017 for organ (Potrebbe 2022).