Dipinti

Descrizione del dipinto di Eugene Delacroix “George Sand”

Descrizione del dipinto di Eugene Delacroix “George Sand”



We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Davanti a noi è un frammento di una volta un'immagine intera che raffigura Georges Sand e Frederic Chopin. Incontrò lo scrittore francese Delacroix alla fine del 1833, e il risultato di questo incontro fu una lunga amicizia, non senza un tocco di reciproca simpatia.

All'artista piaceva l'indipendenza della donna, la resistenza da parte sua a qualsiasi tentativo di imporre la volontà di un altro. Una volta, quando vide Sand e Chopin insieme, l'artista decise di dedicarsi al genere del ritratto e di ricreare questo incontro sulla tela.

Tuttavia, in questa forma, il quadro non era destinato a esistere per molto tempo. I proprietari avidi per fini di lucro hanno deciso di inaudire la barbarie, tagliando il quadro a metà. Pertanto, una parte - con l'immagine di Chopin - si trova nel Louvre, e l'altra - su cui è raffigurato Georges Sand - è ora conservata in Danimarca. E solo grazie alla ricostruzione, possiamo capire l'aspetto del capolavoro sin dall'inizio.

Prestiamo attenzione al ritratto dello scrittore francese. Per Delacroix, le norme dell'arte accademica non sono mai venute prima; questo era evidente anche nell'immagine di George Sand - enfatizzato espressamente. C'è uno stato d'animo paesaggistico, ma, a quanto pare, i critici d'arte hanno calcolato male da qualche parte senza specificare il genere a cui appartiene questo dipinto - uno stato d'animo ritratto.

Allo stesso tempo, la tela non si distingue per l'abbondanza di colori vivaci; al contrario, i toni usati da Delacroix sono molto morbidi, silenziosi, per così dire. L'umore stesso è creato in piani inaccessibili allo spettatore, da qualche parte gradualmente.

Forse questo stress emotivo si manifesta in una svolta speciale della testa dell'eroina. E forse, la mano dello scrittore alzata nonostante la sua volontà tradisce l'umore. E in questa immersione dell'eroina in se stessa, non c'è nulla di sorprendente, perché al momento della sua rappresentazione, la donna ha sentito quasi il più grande che sia mai esistito sulla terra: la musica di Chopin.





Pittura Koschey Immortal Vasnetsov


Guarda il video: Secrets of Portrait Painting with Cesar Santos (Agosto 2022).