Dipinti

Descrizione del dipinto di Peter Rubens "Tre grazie"

Descrizione del dipinto di Peter Rubens


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Il pittoresco dipinto di epoca barocca “Tre grazie” (1639) appartiene al pennello dell'artista sud-olandese Peter Paul Rubens. Le dimensioni della tela sono 221X181 cm, la tecnica è olio su legno. Questo capolavoro d'arte è attribuito al periodo tardo di Rubens, iniziato nel 1630. In quel momento, l'artista si allontanò dal trambusto della vita e si limitò a rimanere nel castello di Stan.

Le immagini di questa fase di attività sono di piccolo formato, ma hanno un significato molto profondo. L'artista ha iniziato a percepire il mondo con attenzione, il che non poteva che influenzare le sue composizioni.

E al culmine del suo sviluppo creativo, Rubens ha dipinto un quadro con note di intim chiamato "Tre Grazie". Ha presentato allo spettatore tre giovani donne affascinanti nel ruolo delle dee dell'antichità.

L'autore ammira semplicemente la bellezza del corpo femminile. Forme leggermente piene, ma molto aggraziate, una leggera inclinazione della testa, mani intrecciate in una danza - tutto ciò indica che abbiamo vere grazie. Qualunque siano i parametri di bellezza di oggi, le eroine rubensiane dell'immagine sono semplicemente magnifiche.

L'autore ha raffigurato affascinanti grazie su uno sfondo paesaggistico. Alla loro destra c'è una fontana mormorante a forma di figura umana e una composizione floreale intrecciata sopra le loro teste. I contorni femminili ricordano i contorni della scultura. Tonalità di colore calde si aggiungono alle curve e ai movimenti raffinati in un cerchio, a cui l'artista ricorre spesso.

La modella per la donna a sinistra era Elena Furman, la seconda moglie di Rubens. L'immagine è stata dipinta in poco tempo dopo il matrimonio. Ciò suggerisce che l'artista era veramente felice.

Fino alla morte del maestro, la tela rimase nella sua casa e solo nel 1640, "Tre Grazie" fu acquisito da Filippo IV, quindi il dipinto fu esportato in Spagna. Oggi è conservato nel Museo del Prado di Madrid.





Composizione per foto Fine del mezzogiorno invernale


Guarda il video: Tiziano Vecellio spiegato da Philippe Daverio (Potrebbe 2022).