Dipinti

Descrizione del dipinto di Vincent Van Gogh "Sulla soglia dell'eternità"


Van Gogh ha sempre occupato il tema della vita. La sua effimera, la sua fragilità e allo stesso tempo la sua forza. Una persona infelice, laboriosa, testarda e che rifiuta di rinunciare alla speranza anche nelle situazioni più disperate, ha scritto molte volte e disperazione, un sogno e una volontà indomita di vivere, a volte incarnandola anche nelle cose più invisibili come i girasoli.

"Al limite dell'eternità" è uno dei suoi rari dipinti raffiguranti l'uomo. I primi schizzi per lei furono realizzati ad Etten, dove Van Gogh fece schizzi di residenti locali e incontrò un vecchio contadino gravemente malato, che alla fine apparve sulla sua tela.

L'immagine mostra un vecchio seduto su una sedia vicino al camino. Tutta la sua posa esprime disperazione: la sua schiena è curva, le mani serrate nei pugni gli coprono il viso, i gomiti poggiano sulle ginocchia. È chiaramente spezzato da un enorme dolore, e l'intera composizione del quadro è costruita attorno alla sua figura, sulla quale, per la maggior parte, non c'è nulla.

C'è un camino acceso dietro le sbarre: le lingue di fiamma sono rappresentate schematicamente, con leggeri movimenti di pennello, senza un pizzico di realismo. Il pavimento in legno non è dipinto, le pareti sono bianche. La sedia sotto il contadino sembra instabile, ondeggiante, pronta a buttarlo via da un momento all'altro.

Raffigurante la disperazione, Van Gogh è dettagliato come nell'immagine della felicità. Le scarpe del contadino si sono allargate, sono già molto vecchie ed è chiaro che hanno camminato molto nel fango e nella pioggia. Il costume, nonostante lo schizzi dell'immagine, sembra consumato. I capelli si ritirano, esponendo il punto calvo, la barba è ordinatamente tagliata, ed è chiaro che quest'uomo ha vissuto una lunga vita, per la quale se ha visto la felicità, è raro anche in vacanza. Duro lavoro, povertà e ora anche malattia.

E nonostante ciò, l'immagine appare stranamente luminosa. Come se vedesse anche paura e dolore, l'artista non vuole separarsi dal pensiero che la vita può essere ancora bella e che c'è sempre speranza - dolorosa e allo stesso tempo dolce.





Sinop Battle Pictures


Guarda il video: Simbologia di NOTTE STELLATA - Vincent Van Gogh - I SIMBOLI NELLARTE (Gennaio 2022).