Dipinti

Descrizione del dipinto di "Paesaggio" di Arkhip Kuindzhi

Descrizione del dipinto di


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Il dipinto è stato creato dall'artista durante la sua ricerca creativa. Kuindzhi iniziò a sperimentare la luce negli anni '70. È interessato alla capacità di trasmettere con precisione l'illuminazione naturale del paesaggio. A tal fine, mescola i toni naturali e crea molte delle loro sfumature.

Il suo "Paesaggio" del 1874 divenne uno degli esempi eclatanti della sua ricerca creativa. La natura viene catturata con accuratezza documentale, ma il gioco della luce la rende viva. Studiando l'influenza della luce sui colori e cercando di creare contrasti, l'artista ha usato i toni del verde e del blu. Furono loro a permettergli di smorzare e aumentare la luce dell'immagine.

I suoi pioppi assomigliano alle figure di persone che si sono congelate in previsione. Cosa si aspettano? Forse i cambiamenti imminenti. Un accenno di ciò è uno scorcio di luce solare tra i rami di un albero. Sembra che stia per sbirciare da dietro le nuvole e illuminare tutto intorno.

O forse dicono addio ai propri cari: a distanza da loro sono raffigurati altri due alberi. Giovane pioppo con una cima leggermente piegata e un albero ancora molto piccolo - ricordano così tanto una madre e un bambino.

È il gioco di luci che crea l'atmosfera della foto. Le nuvole soffici che non portano con sé la foschia, ma nascondono solo la luce intensa. Il raggio malizioso, che salta lungo i rami di un albero, trasformando il suo fogliame in doratura, gioca anche con lo spettatore. Un vento che attraversa facilmente e rapidamente il fogliame, a volte inosservato. Questi mezzitoni sono diventati possibili grazie alla ricerca di Kuindzhi, al suo coraggio di provare qualcosa di nuovo.

Per quanto riguarda la composizione, è abbastanza concisa e semplice.

La combinazione di tali qualità rende il paesaggio attraente, pieno di sensazioni, ma privo di pretenziosità o finzione, come la natura stessa. Dopo tutto, è bellissima nella sua semplicità. E la natura poetica dell'artista ti permette di vedere la bellezza nel paesaggio ordinario. Proprio mentre canta, Kuindzhi tratta la natura, cercando di cantare i suoi ciondoli con i colori.





Città condannata a Roerich


Guarda il video: La scuola di Atene - Raffaello Sanzio (Potrebbe 2022).