Dipinti

Illustrazione per il racconto "Ilya Muromets and the Nightingale the Robber" di Ivan Bilibin

Illustrazione per il racconto


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Bylina su Ilya Muromets è uno dei componenti principali dell'epopea russa antica. Se le credi, Ilya Muromets aveva trenta e tre anni steso sul fornello perché non aveva le gambe, ma quando aveva trentatré anni, tre vecchi vennero da lui e gli restituirono la capacità di camminare in modo da poter camminare e proteggere la terra russa . E Ilya prese una spada, montò un cavallo e andò a cercare coloro che avevano bisogno di aiuto.

I primi furono i mercanti che si lamentarono con lui che la strada per Chernigov era bloccata, perché lì, su ventisette querce, era stato seduto per trenta anni e nessuno aveva un passaggio da lui, né cavallo né piede. Chi ruba, chi uccide con un fischio e deve viaggiare. Quindi Ilya andò a sconfiggere il ladro.

Sentendo il battito del suo cavallo, fischiò per venti miglia, ma l'eroe non aveva paura. Fischiettò per dieci miglia, più forte - solo il cavallo inciampò. Fischiettò quando Ilya era già sotto la quercia - e ricevette una freccia nell'occhio, motivo per cui morì, dopo di che la strada divenne libera.

L'immagine mostra il momento in cui Ilya punta all'occhio dell'usignolo. Il cavallo si trova sotto di esso, appoggiato a terra con tutte e quattro le gambe, in modo da non soffiare via, gli alberi si piegano con un fischio, ma l'arco di Ilya guarda direttamente il ladro che siede su un'enorme quercia.

Usignolo dalla pelle scura, vestito alla maniera tartara, il suo viso esprime rabbia e confusione. Fischia con tutte le sue forze, ma l'uomo davanti a lui rifiuta di cadere, rifiuta di morire, e questo lo sorprende e lo fa infuriare.

Ilya è visibile solo dalla parte posteriore, ma dal modo in cui si appoggia indietro per mirare meglio, dal modo in cui tiene abilmente l'arco della sua mano, è chiaro che non ha affatto paura e che il fischio non lo influenza affatto.

Il dipinto è stato fatto in modo tradizionalmente biciclico, abbondante nei dettagli e molto luminoso. Fatto per diventare una buona illustrazione per un folto libro di fiabe.





Korovin Gurzuf


Guarda il video: OMERO NON PIANGE MAI. Episodio 1 - Racconti sullIliade (Giugno 2022).


Commenti:

  1. Tadal

    Condivido pienamente la tua opinione. C'è qualcosa in questo, e penso che sia un'ottima idea.

  2. Kopecky

    Non posso con te non sarò d'accordo.

  3. Raimundo

    Era e con me. Discutiamo questa domanda.



Scrivi un messaggio