Dipinti

Descrizione del dipinto Jacopo Tintoretto "L'ultima cena"

Descrizione del dipinto Jacopo Tintoretto


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Tintoretto - nativo di Venezia, rappresentante della scuola del tardo Rinascimento, che, tuttavia, è molto condizionale - il suo lavoro è caratterizzato da un certo stile creato da lui nel corso degli anni di lavoro. È caratterizzato da un'opera magistrale con luce, piccoli dettagli, raffinata elaborazione dei volti.

Di grande talento, Tintoretto lavorò molto rapidamente, soprattutto se eseguiva qualcosa su ordinazione, che a volte rendeva i suoi dipinti incuranti. Tuttavia, ciò non si applica a L'Ultima Cena in alcun modo.

L'immagine mostra il momento in cui Cristo spezza il pane, dicendo "Questo è il mio corpo". In un'accogliente compagnia di studenti, si sente sorpresa, ma non paura: sono abituati alle strane parole dell'insegnante, non hanno paura di quello che dice, semplicemente non lo capiscono davvero.

Guardatevi l'un l'altro, hanno paura di prendere il pane, di cui è stato detto così. E intorno a loro, una normale povera taverna continua con calma. Le ancelle consegnano cibo, due visitatori discutono alla porta, il proprietario dice qualcosa al cuoco e ognuno è impegnato con i propri affari. Non sono interessati a ciò che sta accadendo sotto il loro stesso naso. Non vedono la luce angelica, non vedono il sottile alone luminoso sopra le teste delle persone sedute al tavolo.

Per loro, questo è solo un normale gruppo di amici che sono venuti per festeggiare la Pasqua. Un gatto si arrampica in un cesto di pesci, non sapendo che una persona che spezza il pane è un dio nato da una donna. Il cane rosicchia un osso, senza sospettare che un giorno risorgerà. La taverna oscura, che sembra sconfinata a causa del crepuscolo, contiene un vero miracolo, ma nessuno se ne accorge. E gli angeli sorvolano il tavolo inosservati, e la luce della lampada sotto il soffitto sembra essere tutta luce semplice, e non radiosità celeste.

Giuda, seduto da solo sul bordo del tavolo, non è illuminato da questo splendore, e quindi è separato dal resto. È già un traditore e sta già pensando ai suoi trenta pezzi d'argento.

"L'ultima cena" mostra quel sottile momento in cui si verifica un miracolo, rimanendo inosservato per il momento.





Funerale In Ornan


Guarda il video: Tintoretto alle scuderie del Quirinale (Potrebbe 2022).