Dipinti

Descrizione del dipinto Sandro Botticelli "L'Annunciazione"


Botticelli ha creato un'immagine grandiosa che semplicemente non può non impressionare. Raffigura una scena drammatica dell'Annunciazione. Ci sono rettangoli rigorosi sul pavimento, viene verificata anche la divisione delle pareti.

L'arcangelo è appena volato a Maria.

Sentiamo un movimento che non si ferma. Si inginocchiò. Madonna e Arcangelo volano l'uno verso l'altro. Sono fermati per un momento solo da un colonnato, che diventa un elemento di separazione. Puoi sentire il movimento nei panni di un angelo. Le pieghe formano onde bizzarre. La tenda bianca alle colonne sta scorrendo. Ma l'interno austero limita questo impulso irresistibile, che è così visibile in tutta la tela.

Gli eroi sono collegati da una linea spezzata, che vibra in modo significativo lungo tutti i contorni di queste figure. Sembrano guidarci. Seguiamo involontariamente lo sguardo dopo queste curve e pieghe, che si muovono irresistibilmente l'una verso l'altra.

Puoi vedere l'incredibile eccitazione degli eroi di questa tela. Le loro pose sono instabili. Sembra che vacillassero sotto le raffiche di un vento mistico, che improvvisamente irrompe nello spazio della tela.

Il capolavoro è espressivo. Botticelli si concentra sulle mani eloquenti dei personaggi. L'Arcangelo porta a Maria il messaggio di Dio. Fa un passo indietro e la accetta rispettosamente. L'artista non cerca di abbellire l'aspetto di Maria. Non vediamo gioielli e un ornamento d'oro. I santi sono vestiti semplicemente. Lo spirituale è prezioso a modo suo. Crea un contrappeso necessario alla bellezza fisica.

Incredibile profondità e ariosità dei fiori. Il mantello di Maria concentrava l'ombra del mare e del cielo italiani. Botticelli sentì sottilmente le più lievi sfumature di colore. Sembra che il pittore abbia lavato tutte le vernici prima di applicarle alla tela. Brillano e colpiscono per la loro bellezza.





Dipingere Il ritorno del figliol prodigo Rembrandt


Guarda il video: Alla scoperta delle opere di Leonardo da Vinci nel mondo (Gennaio 2022).