Dipinti

Descrizione del dipinto di Pavel Korin "Alexander Nevsky"

Descrizione del dipinto di Pavel Korin


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Il trittico fu commissionato dall'artista nell'anno della seconda guerra mondiale, quando il tema dell'opposizione all'invasore era al centro dell'arte. I soldati che andavano al fronte erano ispirati da lui. Anche le guardie posteriori che rifornivano i soldati di cibo, armi e vestiti trovarono conforto in lui.

"Alexander Nevsky" è stato scritto per i resoconti dalla parte anteriore, al ruggito delle armi antiaeree, sotto la luce intensa dei proiettori che tagliano il cielo. Fu chiamato a suscitare entusiasmo e ispirazione nelle anime del pubblico, la sicurezza che il nemico potesse essere sconfitto, non importa quanto terribile potesse sembrare, e non importa quante orde di lui siano innumerevoli.

Sul lato sinistro e destro del trittico, i soldati si radunano per la guerra. Sono accompagnati da donne: una vecchia madre, appoggiata a un bastone, una moglie che tiene in braccio un bambino piccolo. Vale la pena lottare per loro, in modo che la vita continui, il bambino cresca, la madre sia stata in grado di vivere la sua vita in pace e tranquillità, e non nella paura divorante di suo figlio. Anche la terra stessa, il suo fiume, il suo villaggio, la sua piccola chiesa hanno bisogno di protezione e aspetteranno anche i suoi figli.

Nel mezzo, l'immagine di un guerriero si sta sviluppando naturalmente. Alexander Nevsky - l'uomo che fermò i cavalieri tedeschi, come nessun altro poteva ispirare i difensori del paese alla guerra con gli invasori nazisti. Nella sua figura c'è qualcosa di monumentale, il ricordo degli antichi eroi, e allo stesso tempo - la severità della pittura di icone, uno stendardo con il volto di Cristo, che ricorda la santità della terra russa. Si alza, appoggiandosi alla sua spada, uno striscione è ubriaco dietro di lui e il suo mantello ondeggia nel vento, e, completamente vestito con un'armatura, aspetta che vengano a combattere. Verranno - e moriranno per la spada con la quale vennero.

E dietro di lui - terra indifesa, cara, amata. Una città dalle pareti bianche sul fiume, un cielo nuvoloso e accigliato, pronto a sembrare piangere. Devi combattere per loro, per i bambini e le madri che restano in città. E non puoi fare a meno di vincere, proprio come Alexander non ha potuto fare a meno di sconfiggerlo ai suoi tempi.





Pittura di Pimenov


Guarda il video: Sergei Prokofiev: Alexander Nevsky, Yuri Temirkanov. St Petersburg Philharmonic Orchestra (Giugno 2022).


Commenti:

  1. Kajirg

    lo sto già prendendo! Super!

  2. Tojazilkree

    Penso che abbia torto. Sono in grado di dimostrarlo.

  3. Wa'il

    Messaggio incomparabile, per me è interessante :)

  4. Dor

    Considero che ti sbagli. Posso difendere la posizione.



Scrivi un messaggio